Procrastinare: che brutta parola

L’espressione “procrastinare” ha sempre avuto un’accezione negativa che presuppone una abituale tendenza a rimandare i propri impegni. Si è sempre pensato che la procrastinazione fosse una tendenza caratteriale ma la buona notizia è che si tratti di un modo di comportarsi sul quale possiamo lavorare modificando le nostre abitudini.

A volte chi ha l’abitudine a procrastinare ha alla base della sua cattiva abitudine la disorganizzazione, non essendo spesso in grado di  valutare e gestire il tempo a  sua disposizione.

Puoi provare a liberarti della tua tendenza alla procrastinazione applicando semplici accorgimenti alla tua quotidianità:

  • Pianifica per obiettivi: fissa gli obiettivi principali e focalizza su di essi.Perseguire un obiettivo è il presupposto fondamentale di qualsiasi strategia organizzativa.
  • Fai una lista delle cose da fare. All’inizio di ogni settimana scrivi una lista delle cose che intendi portare a termine entro la fine della stessa, aggiungi delle scadenze, e man mano che li avrai portati a termine depennali con soddisfazione. Ti consiglio di non inserire più di 5 impegni alla volta. Una volta che avrai testato questa tecnica puoi decidere se aumentare o diminuire il numero di impegni in base al risultato ottenuto nella settimana precedente.
  • Stabilisci le priorità. Quando scrivi la tua lista degli impegni settimanali, stabilisci le priorità. Questo ti aiuterà ad avere una visione realistica del tempo e delle energie a tua disposizione e ridurrà la probabilità di procrastinare.
  • Usa un’agenda in cui andrai ad inserire le tue cose da fare e le relative scadenze per tenere sotto controllo i tuoi impegni.
  • Una volta che hai pianificato tutto mettiti all’opera, individuando anche le distrazioni da evitare (cellulare, notifiche, mail, televisione e pensieri vari): concentrati sul raggiungimento del tuo obiettivo.

Ti consiglio di parlare con qualcuno dei tuoi progetti antiprocrastinazione prima di iniziare. Ciò servirà a dare voce a ciò che desideri e a farti vedere le cose in modo diverso, immaginando anche il risultato finale.

Non appena avrai portato a termine il primo impegno della settimana nei tempi previsti ti sentirai soddisfatto e leggero, soprattutto nel vedere quanto tempo avrai ancora a disposizione da dedicare a ciò che più ami e questo ti darà la carica e la motivazione giusta per proseguire con l’impegno successivo.

Quindi basta procrastinare e buona organizzazione!

“Non è vero che non abbiamo tempo, la verità è che ne perdiamo molto” (Seneca)

Laura Realbuto

Associata Junior n. 159

 

Lascia un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPORTELLO UTENZA

È istituito lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, in forma telematica, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo. INVIA LA TUA RICHIESTA

CHE COS’E’ APOI?

APOI è la prima associazione professionale che raggruppa i Professional Organizers italiani, fornisce supporto agli associati, eroga per loro attività formative e definisce gli standard della professione. Entra anche tu in APOI, vieni a far parte della nostra rete!