Lo SPACE CLEARING per me è LIBERATORIO

 space clearing

Il mio approccio. Ho fatto per la prima volta lo space clearing circa 8 anni fa nel mio armadio, grazie al libro “Via la polvere dalla casa e dalla mente” di Karen Kingston. Come tutti, avevo già fatto qualcosa di simile (ad esempio quando sono andata a vivere da sola traslocando da casa dei miei genitori, oppure in occasione dei cambi di stagione del guardaroba o, molto semplicemente rimettendo ordine nella borsa o in un cassetto), ma non consapevolmente.

Fare space clearing consapevolmente fa la differenza: si innesca un meccanismo che porta nuova energia e grandi cambiamenti sia lavorativi che affettivi. Con lo space clearing, infatti, si elimina il superfluo rimettendo in circolo l’energia e facendo spazio a nuove opportunità. Rimettendo ordine negli spazi fisici si fa ordine anche mentale.

Come fare? Ci sono strumenti semplici che aiutano in questo percorso, ecco i passi dello SPACE CLEARING consapevole:

  • OBIETTIVO: decidi qual è il risultato che vuoi ottenere, ad esempio riorganizzare il guardaroba per evitare di dover fare il cambio di stagione, oppure rimettere ordine nel garage per farci entrare anche l’auto J o sistemare i documenti in ufficio perché non trovi mai quel che cerchi. Sono certa che hai solo l’imbarazzo della scelta.
  • DATTI UN TEMPO: questo è fondamentale perché altrimenti rischi di rimandare e alla fine diventa una cosa in più da fare. Decidi una scadenza entro cui raggiungere il tuo obiettivo.
  • FAI PICCOLI PASSI: evita di fare il lavoro tutto insieme, perché è stancante e se poi ti resta tutto in disordine ottieni il risultato contrario, cioè ancora più confusione. Quindi programma ad esempio un paio d’ore a settimana di Space clearing e mettilo a calendario come fosse un appuntamento.
  • PRENDI IN ESAME TUTTO pronti via! Raccogli tutto quello che vuoi riordinare e prendi in esame ogni singolo oggetto o capo d’abbigliamento o documento. Quest’oggetto ti serve? Ti piace? Ti fa venire in mente momenti piacevoli?
  • DECIDI: secondo le risposte che ti dai nell’esaminare gli oggetti, decidi: cosa tenere, cosa eliminare, cosa regalare, cosa riciclare.
  • TRANSITO non riesci a deciderti su alcuni oggetti? C’è qualcosa che proprio fatichi a collocare nella tua vita attuale? Crea una zona di transito che dev’essere possibilmente vicino all’uscita: (una scatola o una sacca) se questi oggetti vengono messi nella zona di transito molto probabilmente dopo poche ore ti renderai conto che in realtà vanno eliminati dalla tua vita.

Le paure e i dubbi. Sorge spesso spontanea la domanda: “ma se poi un giorno questa cosa mi dovesse servire?” E’ un classico! La maggior parte delle volte l’oggetto che stai esaminando è inutilizzato da anni e ti eri completamente dimenticato/a della sua esistenza. Ascolta il tuo istinto e concentrati sulla tua vita adesso, se quest’oggetto non ti serve osa e LIBERATENE. Fidati, non avrai rimpianti.

Fatti aiutare. In certi casi può essere molto doloroso liberarsi degli oggetti, ad esempio quando ti trovi a valutare oggetti di famiglia a cui sei legato/a emotivamente. In questi casi chiedi aiuto: avere qualcuno non coinvolto al tuo fianco ti aiuta ad essere più obiettivo e ti facilità le scelte. Il professional organizer è la persona giusta per questo tipo di situazioni.

Se lo fai in questo modo, diventerà un modo di vivere, e quando vorrai cambiare qualcosa nella tua vita probabilmente avrai voglia di farlo per accelerare il processo.

lo l’ho fatto di nuovo un paio di settimane fa. In questo periodo ho bisogno di buttarmi alle spalle una situazione che mi provoca sofferenza e ho fatto lo space clearing intenzionalmente. Vi assicuro che è stato liberatorio e appena finito mi sentivo già più leggera e serena.

 Silva Bucci

 

 

Lascia un commento


SPORTELLO UTENZA

È istituito lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, in forma telematica, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo. INVIA LA TUA RICHIESTA

CHE COS’E’ APOI?

APOI è la prima associazione professionale che raggruppa i Professional Organizers italiani, fornisce supporto agli associati, eroga per loro attività formative e definisce gli standard della professione. Entra anche tu in APOI, vieni a far parte della nostra rete!