Tre regole per recuperare la tua energia

Con i primi caldi sembra che l’energia scompaia e che sia impossibile far tutto come pochi mesi prima. Come è possibile che ogni primavera ci riduca a energia zero? C’è forse qualcosa di strano nell’aria?
Be’, in parte è proprio così. In certi periodi dell’anno, quando cambiano le stagioni, ci vuole un po’ di clemenza con noi stessi ed è necessario lasciare il tempo al nostro corpo di riprendere le misure con il nuovo clima: le diverse ore di luce, l’umidità nell’aria che si fa pesante, le temperature che improvvisamente cambiano.
Ma ci sono comunque alcune accortezze che puoi utilizzare per portare il tuo bilancio un po’ più in positivo.

Conosciti

Eh, sì, non siamo tutti uguali: ognuno di noi ha più energia in determinati momenti del giorno. Quindi, soprattutto quando si avvicina il cambio di stagione, fai in modo di assecondare il tuo ciclo circadiano: non pianificare attività impegnative di primo mattino se sei un nottambulo, non lanciarti in serate folli ai primi caldi se lavori bene solo al mattino.
Conoscersi significa anche alternare le attività che ti piacciono di più a quelle che ti piacciono di meno e iniziare da queste ultime. Mi raccomando, non il contrario, altrimenti non le farai più. Se davvero non ti piacciono, spezzettale: saranno più affrontabili, e quando le avrai finite fatti un bel regalo – magari una pausa degna di nota.

Rispetta le pause

Anche se non ne senti il bisogno, ogni tanto fai una pausa. Un po’ come ci ricorda la tecnica del pomodoro: il lavoro vale quanto la pausa, non è vero che bisogna sempre e solo lavorare. Quindi ricordati: bastano cinque minuti ogni tanto, ma se non li fai, poi consumerai il doppio dell’energia.

Ricaricati

Mangia e bevi bene: cibo sano e tanta acqua sono la nostra energia. Non dimenticare mai di bere durante tutta la giornata e di mangiare almeno tre volte al giorno – pranzo, cena e soprattutto a colazione.
Se non ami mangiare, non resta che dormire. Dai ciclicità al sonno, questo è il miglior modo di ricaricare le batterie: una sana routine prima di andare a dormire è un vero tocca sana. Chiudi le faccende di lavoro, rilassati e vai a dormire più o meno alla stessa ora, vedrai che così facendo il tuo cervello potrà riposare, covare tutte le idee importanti, e darti la giusta carica al mattino.

Se questi tre consigli ti sembrano impossibili e non sai da che parte iniziare, ricorda che il primo passo è sempre la consapevolezza. Quindi armati di carta e penna e scrivi tutto quello che fai in un giorno e poi, con calma, rivedi la tua giornata alla luce delle tre regole scritte sopra: come va il bilancio lavoro/pausa? Ci sono pranzi, cene e un buon numero di ore di sonno? Ci sono sia cose che ti piacciono sia quelle che ti piacciono di meno? Le attività sono nelle ore giuste della giornata?
Se è così, ottimo, è ora di una piccola ricompensa!
E se non è così, non temere, pianifica meglio la tua quotidianità, sperimenta un piccolo cambio al giorno e mira alla tua giornata equilibrata. Vedrai che in breve non sarà più un desiderio lontano, ma una realtà concreta.

di Selina Angelini

Nessun commento

Scrivi il tuo commento