Trasferire l’attività senza stress

Ai liberi professionisti, agli artigiani e ai commercianti capita di gestire un trasferimento dell’attività lavorativa. Tu riusciresti a farlo senza stress? Io dico si sì!

Non ci sono formule magiche, basta agire seguendo passaggi ben pianificati.

La preoccupazione più grande è quella di dimenticare cose importanti da fare come disdette, variazioni contrattuali o avvisare clienti e fornitori.
A questo si affianca tutta la gestione per lo spostamento di un eventuale magazzino, arredamento e attrezzature di lavoro.

Sei già in ansia? Segui questi utili consigli e tutto ti apparirà più semplice!

Inizia per tempo a programmare le azioni da compiere: ridursi agli ultimi giorni genera solo caos e stress mentale e fisico.

Non appena decidi che è arrivata l’ora di intraprendere il trasferimento, prendi carta e penna e inizia a creare queste to-do-list (liste di cose da fare) che ti aiuteranno ad organizzare il trasloco.

Contratti alla mano: verifica subito eventuali preavvisi e pianifica le disdette contrattuali (per esempio il contratto di locazione). Questi termini ti permettono di avere una time-line (linea del tempo) su cui basare tutta la pianificazione.

Realizza una lista con tutto ciò che è legato a quello specifico luogo: utenza telefonica, utenza elettrica, tributi comunali ed eventuali noleggi di attrezzature.
Queste variazioni possono (e spesso devono) essere fatte pochi giorni prima di lasciare il locale e richiedono poco tempo, basta qualche telefonata o email. Seppur di secondaria importanza, è giusto fissarle nella lista per non perderle strada facendo!

Spesso ci sono variazioni fiscali da eseguire, ma per questo è bene farsi consigliare da un consulente fiscale di fiducia.

Se di solito semini biglietti da visita e appunti vari in giro per la scrivania, è ora di iniziare a scremare l’utile dall’inutile raccogliendolo e organizzandolo in apposite cartelline o classificatori. Sarà una soddisfazione, vedrai!

Prepara tutto ciò che è fisicamente da trasferire: crea degli spazi vuoti nel locale che userai come “polmone” per organizzare tutto il materiale. Dividi per tipologia (documenti, attrezzi, merce, …), questo ti aiuterà a non disperdere le cose in giro e ad avere ben in vista tutto quello che hai.

Prepara diverse scatole in cui inserire tutto ciò che hai già organizzato per lo spostamento. Scrivi in modo ben visibile con un pennarello cosa contengono.
Se a priori sei consapevole che avrai molte scatole, ti sarà più facile numerarle creandoti una lista cartacea di corrispondenza.

Probabilmente ci sarà del materiale che non sapevi neanche di avere, magari accantonato in un angolo nascosto da diversi anni: liberati da zavorre inutili se reputi che continuerebbero a occupare spazio senza una vera utilità.

Se hai già accesso al nuovo locale, cerca di seguire un iter di trasferimento partendo dalle cose che utilizzi meno frequentemente, lasciando per ultime quelle di primaria importanza.
Utilizza il metodo “1:1” portando via da un luogo un gruppo di cose e riorganizzandole immediatamente appena giunte a destinazione.

Almeno un mese prima, prepara e invia una email ai tuoi fornitori informandoli dello spostamento a partire da una certa data.
Crea una email professionale anche per i clienti, magari offrendo loro un omaggio o invitandoli all’inaugurazione: ricordati che sono il tuo pane quotidiano, non lasciarli dentro uno scatolone impolverato!

Seguendo queste semplici regole, una volta completato il trasferimento la tua attività sarà subito operativa e non dovrai pensare ad altro se non al futuro dell’attività!

Cosa ne pensi? Non ti pare tutto più semplice ora?

Daniel Barbierato

Lascia un commento


SPORTELLO UTENZA

È istituito lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, in forma telematica, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo. INVIA LA TUA RICHIESTA

CHE COS’E’ APOI?

APOI è la prima associazione professionale che raggruppa i Professional Organizers italiani, fornisce supporto agli associati, eroga per loro attività formative e definisce gli standard della professione. Entra anche tu in APOI, vieni a far parte della nostra rete!