Sognando l’armadio perfetto…!

armadio perfetto

La sistemazione dell’armadio è quel momento della vita che crea un minimo di angoscia e sconforto anche alle più preparate e precise di noi. Vuoi perché non si ha mai abbastanza tempo e ci si riduce a mettere via le infradito a metà novembre, vuoi perché spesso lo spazio a disposizione non è mai molto e – fra una scatola e l’altra – perdiamo un po’ il senso della quantità di cose che abbiamo.

Partiamo proprio con il dire che dietro (in questo caso meglio dire dentro) le scatole spesso si nasconde un’insidia, perché la scatola non è sempre la miglior soluzione per togliere dall’armadio gli abiti che in quel momento sono fuori stagione.

Le scatole hanno il brutto vizio di moltiplicarsi a nostra insaputa e nasconderci questa o quella cosa che pensavamo di avere messo proprio lì…ma che quando vai a cercare non trovi mai. Se poi non hanno neppure un’etichetta con scritto quello che contengono, possiamo dare per spacciati gli abiti che vi sono contenuti…

Il segreto per un cambio armadio da manuale è eliminare il superfluo. O, per dirla come gli americani, fare Space Clearing, ovvero quel momento in cui una volta per tutte si fa pulizia di tutte le cianfrusaglie. Di quello che non ci piace più, di quello che non ci va più bene, degli abiti logori o rovinati, delle scarpe che non indossiamo più…

Giusto per darvi due numeri vi dico che per 80% del tempo indossiamo solo il 20% dei vestiti che abbiamo nel guardaroba. Sconvolgente, no?

Allora come fare per avere un guardaroba funzionale e adatto alle nostre esigenze? Come direbbe il saggio “la soluzione è dentro di te”, ma meglio ancora se seguite un metodo fatto da pochi e semplici passaggi.

PUNTO 1:
Svuotate TUTTO l’armadio: togliete ogni cosa si trovi all’ interno di cassetti, cabine, scarpiere e mettete sul letto e poi date una bella pulita all’interno del guardaroba: avere un luogo igienizzato e profumato nel quale riporre i vostri abiti vi invoglierà a mettere tutte le cose in ordine e mantenerle in ordine.

PUNTO 2:
Eliminate il superfluo: questo è il passaggio principale. Iniziate con eliminare tutto quello che non fa più per voi, troppo grande, troppo piccolo, troppo fluo, troppo sbrilluccicoso, insomma troppo…
Il segreto sta nell’essere lucidi ed immaginare ciò che davvero potreste ancora sfruttare e cosa no.
Concedevi comunque il lusso di conservare in una (piccola) scatola ciò che per voi è davvero importante e legato ad un momento speciale.

PUNTO 3:
Provate i vestiti: forse la parte più divertente ed impegnativa al tempo stesso. Ora è necessario decidere cosa scegliere di tenere in base al vostro aspetto, cioè valutare cosa realmente vi dona e vi fa sentire a vostro agio e rispecchia la vostra personalità e le vostre esigenze.

PUNTO 4:
Riparate i vestiti: fra tutti i capi che avete provato ce ne sarà sicuramente qualcuno che avrà bisogno di essere aggiustato, una cucitura che si è lasciata andare o una lunghezza da sistemare. Prendete subito accordi con una sarta per sistemare i capi che avete individuato.

PUNTO 5:
Riponete nell’armadio: non resta altro che riporre gli abiti che avete selezionato nel vostro guardaroba. Il segreto sta nel riporre i vestiti con un ordine logico. Perfetto dividere per generi gonne con gonne, camicie e con camicie ecc cercando di seguire anche un ordine cromatico che regalerà al vostro armadio l’effetto “show room” che trovate nei negozi. Questo vi aiuterà anche a vedere nell’armadio un alleato e non un nemico.

 

Fare space clearing non vuol dire buttare via, ma vuol dire dare una seconda vita agli oggetti nuovi (tipo i vestiti appesi nell’armadio ancora con il cartellino…) o in buone condizioni che a te non servono più. Ci sono moltissime possibilità fra cui si può scegliere, come venderli, scambiarli, regalarli o donarli a qualche associazione di beneficienza di fiducia. A voi non servono più ma magari possono fare la felicità di qualcun altro.

Vedrai poi che sensazione benessere e leggerezza!

Elena Dossi

Lascia un commento


SPORTELLO UTENZA

È istituito lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, in forma telematica, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo. INVIA LA TUA RICHIESTA

CHE COS’E’ APOI?

APOI è la prima associazione professionale che raggruppa i Professional Organizers italiani, fornisce supporto agli associati, eroga per loro attività formative e definisce gli standard della professione. Entra anche tu in APOI, vieni a far parte della nostra rete!